ServiziMenu principaleHome
Home  /  Pazienti  /  Iniziative ed eventi pubblici  /  Cooking, Comfort, Care  /  News  /  Intervista al Prof. Francesco De Lorenzo, Presidente della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO)

Intervista al Prof. Francesco De Lorenzo, Presidente della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO)

foto francesco de lorenzo  

Professore esistono nel nostro Paese associazioni di volontariato che si dedicano esclusivamente ai pazienti colpiti da tumore del pancreas?

Solo il 3% dei pazienti afflitti dalla neoplasia riesce a guarire. Le possibilità per il mondo del volontariato di reclutare persone con queste esperienze sono perciò molto ridotte. A differenza di altri Paesi, come l’Inghilterra, in Italia non sono attive associazioni di malati. Questo rende ancora più difficile affrontare la patologia. La nostra Federazione, insieme alle associazioni di medici, è da anni impegnata affinché sul tumore del pancreas sia prestata maggiore attenzione da parte di tutti. Aumentare l’informazione e il dibattito sulla malattia attraverso campagne ed eventi specifici deve essere il nostro primo obiettivo.

Anche la politica dovrebbe prestare la giusta attenzione a questa malattia?

Sì, quella del pancreas è una forma di cancro che riceve solo il 2% dei finanziamenti per la ricerca a livello europeo. La malattia rappresenta più del 16% di tutti i decessi oncologici del Vecchio Continente. Però è stata oggetto solo del 3,4% delle interrogazioni al Parlamento di Strasburgo in materia di neoplasie.

Quali iniziative sta portando avanti il mondo del volontariato?

Dal 2014 attraverso la European Cancer Patients Coalition, la FAVO ha promosso una mobilitazione generale attraverso la costituzione della Piattaforma Europea per il Tumore del Pancreas (EPPC), a cui hanno aderito clinici, ricercatori, politici e rappresentanti dell’industria farmaceutica, con l’obiettivo di delineare una strategia condivisa e sensibilizzare l’opinione pubblica e gli addetti ai lavori. La Piattaforma ha anche contribuito all’elaborazione della ‘Dichiarazione sul Tumore del Pancreas’, sottoscritta da più di 50 parlamentari europei, per portare questa neoplasia al centro del dibattito parlamentare, creare politiche specifiche per dare una risposta ai bisogni dei malati e adottare iniziative concrete per migliorare la loro qualità di vita.

Dal 2014 è stata anche istituito il World Pancreatic Cancer Day

Si tratta di un’iniziativa molto importante che il cui obiettivo principale è stato richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica e delle autorità politiche su una patologia di cui si parla poco e, in particolare, sull’importanza di conoscere i fattori di rischio e identificare i sintomi nella fase iniziale. Nel 2015 è stata celebrata il 13 novembre e per l’occasione abbiamo illuminato di color ametista il Castello Sforzesco di Milano.

AIOM - Via Enrico Nöe, 23 - 20133 - Milano - tel. +39 02 70630279

© AIOM. Tutti i diritti riservati. P. I. 11957150151