ServiziMenu principaleHome
Home  /  Pazienti  /  Iniziative ed eventi pubblici  /  Immuno-Oncology Academy  /  Immuno-Oncologia  /  Sistema immunitario e tumori

Sistema immunitario e tumori

L’idea che il sistema immunitario potesse essere in grado di proteggere l’organismo dallo sviluppo di tumori risale addirittura agli inizi del Novecento. Ma furono solo i primi esperimenti scientifici, svolti nella seconda metà del secolo scorso, a generare evidenze sperimentali che definirono chiaramente il ruolo del “network di sorveglianza” dell’organismo in questo ambito. In seguito, grazie all’identificazione di determinate categorie di antigeni associati al cancro, si sono potuti ipotizzare per la prima volta trattamenti mirati esclusivamente alle cellule tumorali. Basandosi su queste rivoluzionarie scoperte, i ricercatori hanno potuto successivamente sviluppare vaccini terapeutici per certi tipi di neoplasie. 

L’identificazione degli antigeni ha permesso anche di formulare l’ipotesi dell’immunosorveglianza: il sistema immunitario riuscirebbe a controllare la crescita incontrollata delle cellule tumorali tramite i linfociti T. Nelle persone immunodepresse aumenterebbe quindi il rischio di sviluppare un cancro. Le cellule “impazzite” sono in grado di attivare numerosi e complessi meccanismi che permettono loro di evadere il controllo del sistema immunitario, capace in condizioni normali di segnalare qualsiasi “movimento” sospetto. Quindi il tumore può continuare a rimodellarsi, proprio per eludere la sorveglianza, e le cellule che lo compongono possono così sopravvivere anche in una persona perfettamente sana. Per descrivere questo fenomeno è stata introdotta la nuova definizione di cancer immunoediting, che comprende tre fasi in sequenza:

  • eliminazione: può determinare la completa distruzione della lesione da parte del sistema immunitario;
  • equilibrio: le cellule tumorali, attraverso un processo di selezione operato dai linfociti T, diventano resistenti al controllo di “sorveglianza”;
  • evasione: le cellule tumorali si diffondono in modo incontrollato, originando tumori clinicamente rilevabili.

AIOM - Via Enrico Nöe, 23 - 20133 - Milano - tel. +39 02 70630279

© AIOM. Tutti i diritti riservati. P. I. 11957150151