ServiziMenu principaleHome
Home  /  Prevenzione  /  Non avere Timore  /  La prevenzione

La prevenzione

Per evitare questa forma di tumore è necessario condurre fin da giovani stili di vita sani ed equilibrati. A cominciare da uno dei vizi più pericolosi per tutto l’organismo: il fumo. Le sigarette non provocano danni solo ai polmoni. Aumentano fino a cinque volte il rischio di insorgenza di tumore della vescica. Le oltre 4.000 sostanze nocive contenute nelle “bionde” e prodotte con la combustione entrano nel circolo sanguineo e raggiungono tutti i tessuti.

Il 25-30% di tutti i tumori è correlato al fumo. E’ un fattore di rischio oncologico importante che solo nel nostro Paese causa 100mila nuove neoplasie ogni anno. Provoca inoltre patologie cardio-vascolari e malattie respiratorie molto gravi. Si calcola che un tabagista muoia mediamente otto anni prima. Il vizio è determinato dalla nicotina, una sostanza contenuta all’interno delle sigarette che porta ad una fortissima dipendenza. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha classificato il tabagismo tra le malattie da dipendenza farmacologica, nella stessa lista in cui si trovano l’abuso di alcol e l’assunzione di eroina. Non è mai troppo tardi per smettere di fumare, anche se non si è più giovanissimi. Dire addio per sempre alle “bionde” non è facile ma nemmeno impossibile.

Ecco le altre norme per vivere sempre nel segno del benessere e tenere alla larga i tumori:

1. Segui la dieta mediterranea

È dimostrato che il maggior apporto di frutta e verdura, specie se crude, ha un forte effetto protettivo sul rischio di numerose forme tumorali. L’azione positiva è legata in particolare all’alto contenuto di fibre (che favorisce la maggior motilità intestinale, impedendo l’assorbimento di eventuali sostanze cancerogene) e all’elevata presenza di agenti antitumorali quali le vitamine antiossidanti. Via libera dunque al consumo regolare di pane, pasta, riso ed altri cereali e al consumo giornaliero di ortaggi, legumi e frutta fresca

2. Pratica regolarmente attività fisica

Lo sport riduce in modo notevole le possibilità di sviluppare un cancro. I sedentari hanno una probabilità del 20-40% superiore di ammalarsi. L’effetto protettivo dell’attività fisica praticata in giovane età dura nel tempo ma è buona norma restare in movimento a tutte le età

3. Modera il consumo di alcol

L’eccesso aumenta tra l’altro il rischio di cancro del cavo orale, della faringe, dell’esofago e della laringe. È inoltre fortemente correlato anche all’insorgenza di tumore del fegato e dell’intestino (in entrambi i sessi) e della mammella nelle donne

4. Tieni controllato il peso

L’obesità e l’elevata assunzione di grassi costituiscono importanti fattori di rischio da evitare. È dimostrato che persone con un sovrappeso uguale o superiore al 40% presentano tassi più elevati di mortalità per cancro del colon-retto, della prostata, dell’utero, della cistifellea e della mammella

AIOM - Via Enrico Nöe, 23 - 20133 - Milano - tel. +39 02 70630279

© AIOM. Tutti i diritti riservati. P. I. 11957150151