ServiziMenu principaleHome
Home  /  Professionisti  /  Notiziario AIOM  /  'Prossimo obiettivo la sanità anche una siringa fa risparmiare'

'Prossimo obiettivo la sanità anche una siringa fa risparmiare' Contenuto nell'archivio del 2016

L'Intervista: Luigi Marroni, amministratore delegato della Consip

Da la Repubblica dell'11-4-2016

Luigi Marroni, amministratore delegato della Consip, non risponde alla domanda, diretta, che vuole sapere perché gli amministratori locali non si rivolgono alla Consip per i loro acquisti: disattenti, disinformati o più eufemisticamente "furbi"?

«Noi siamo qui per fornire assistenza a tutte le amministrazioni che vogliono essere accompagnate, anche tecnicamente, verso un sistema che permetta più trasparenza ed efficienza. È evidente che modificare le regole sempre seguite sugli appalti rappresenta un cambiamento forte. Vanno superate resistenze, a volte legittime, a volte meno, e va modificato un modo di pensare vecchio: ma questa rivoluzione va a vantaggio dei cittadini. La stiamo facendo, non solo appellandoci agli obblighi di legge ma anche al convincimento».

Ingegner Marroni, per ora avete fissato un perimetro di intervento di 40 miliardi, e ottenete forti risparmi su beni e servizi. Manca un comparto importante di intervento, la sanità, spesso al centro di scandali. Quando si parte?
«Siamo appena partiti. Il primo appalto riguarderà le siringhe, per le quali abbiamo fissato un prezzo di riferimento. Chi trova prodotti sotto questo benchmark può comprarle, ma crediamo di aver fatto un buon lavoro, anche perché quelle che abbiamo scelto sono state testate. Fuori dai denti, abbiamo fatto le punture.... L'appalto ha un valore di 60 milioni, ma presto crescerà. Poi faremo gare enormi sulla manutenzione ospedaliera, grazie alle quali contiamo di ottenere risparmi anche del 40% rispetto alle spese attuali. Cerchiamo forniture per 2 miliardi. E altri due miliardi saranno la base d'asta per gli appalti di pulizia. Poi ci occuperemo anche di Tac e risonanze. Abbiamo già visto che si possono spendere anche solo 350mila euro per macchine di diagnostica che oggi vengono acquistate a prezzo molto più alto e che hanno l'approvazione delle associazioni di radiologia».

Basterà tutto questo a soddisfa-re la voglia di spending review del governo?
«Noi lavoriamo in sinergia con il sottosegretario Gutgeld e allarghiamo la nostra azione a tutto quello che può portare risparmi. Uno dei nuovi campi di azione che abbiamo individuato, ad esempio, riguarda la rete fognaria, la manutenzione delle strade, l'asfaltatura. Con nuove regole di appalto, che tengono conto anche della soddisfazione finale del cliente, potremo anche regolarizzare il caos delle buche nelle strade di Roma. Ma è il modo di concepire le gare che va cambiato».

E come pensate di fare?
«Insegnando alle amministrazioni a pensare in modo nuovo. Le faccio un esempio, quello delle fotocopie. In quel settore se si interviene sembra di toccare la carne viva. Ma ci sono sistemi che evitano sprechi enormi: una copia full cost con una macchina a noleggio costa 0,16 euro. Ma se si usa invece il sistema click and save, cioè si noleggia in pratica la copia che si fa, il costo scende a 0,017 euro».

Con le sole fotocopie però non si risana il bilancio dello Stato. Cos'altro avete in mente?
«Si può fare ancora tantissimo. Anche nel settore dei trasporti. Abbiamo dei progetti per ristrutturare tutto quello pubblico, senza dover necessariamente acquistare nuovi mezzi. Il cosiddetto revamping permette ad esempio di allungare la vita media di locomotori e bus persino di 20 anni. Il nostro piano pluriennale è ambizioso: stiamo formando 10mila persone nelle amministrazioni per pensare e agire in modo nuovo, nell'interesse della collettività».

(f.b.)

 

AIOM - Via Enrico Nöe, 23 - 20133 - Milano - tel. +39 02 70630279

© AIOM. Tutti i diritti riservati. P. I. 11957150151