ServiziMenu principaleHome
Home  /  Professionisti  /  Notiziario AIOM  /  Cambiamenti climatici. Ogni anno provocano 12,6 milioni di decessi evitabili. L'Oms rilancia a luglio il secondo ciclo dei suoi “profili”

Cambiamenti climatici. Ogni anno provocano 12,6 milioni di decessi evitabili. L'Oms rilancia a luglio il secondo ciclo dei suoi “profili”

Da Quotidianosanità.it del 7-7-2017

Tra il 2030 e il 2050, i cambiamenti climatici causeranno circa 250.000 morti in più l’anno per malnutrizione, malaria, diarrea, surriscaldamento globale e miliardi di dollari in danni diretti per la salute. A luglio l'Oms sta lanciando il secondo ciclo dei suoi profili del clima e della salute per fornire prove aggiornate a livello nazionale sui rischi e le opportunità di salute legate al clima

Il clima influenza la salute: Un argomento di attualità in questo periodo su cui l’Oms ha concentrato l’attenzione e nel luglio 2017 ha iniziato a lanciare il secondo ciclo dei suoi profili del clima e della salute, fornendo prove aggiornate a livello nazionale – ma l’Italia ancora non c’è – sui rischi e le opportunità di salute e sullo stato di avanzamento.

Il cambiamento climatico secondo l’Oms pregiudica l'accesso ad acqua sicura, cibo adeguato e aria pulita, contribuendo a favorire ogni anno circa 12,6 milioni di decessi causati da fattori di rischio ambientali evitabili.

Tra il 2030 e il 2050, i cambiamenti climatici dovrebbero causare circa 250.000 morti in più l’anno per cause che vanno dalla malnutrizione, la malaria, la diarrea al surriscaldamento globale e miliardi di dollari in danni diretti per la salute.

L'Oms lavora con i paesi di tutto il mondo per proteggere le popolazioni più vulnerabili dagli effetti sulla salute degli eventi meteorologici estremi e per aumentare la loro resilienza ai cambiamenti climatici a lungo termine.

Ma le decisioni politiche e le fonti di energia inquinanti che stanno causando il cambiamento climatico stanno anche causando impatti diretti sulla salute, contribuendo in particolare ai 6,5 milioni di morti ogni anno da inquinamento atmosferico.

Attraverso l'Accordo di Parigi del 2015 sui cambiamenti climatici, i paesi si sono impegnati a ridurre l'inquinamento di carbonio, ad esempio attraverso la promozione di fonti energetiche più pulite e sistemi di trasporto urbano più sostenibili, che tutelano e migliorano anche la salute delle proprie popolazioni.

L'Oms sta sostenendo i paesi a valutare i vantaggi previsti per la salute dagli impegni di Parigi e promuovere scelte politiche che portano i maggiori benefici sia alla salute che all'ambiente.

Il progetto UNFCCC Climate and Health Country Profile dell’Oms mira a fornire ai ministri della sanità e ai responsabili politici della salute istantanee specifiche basate sui dati dei rischi del clima e sui rischi sanitari nei vari paesi. Il loro effetto è l’opportunità di co-beneficio per la salute, e forniscono una piattaforma globale sui progressi nazionali nella risposta e nell'attuazione delle politiche.

Il progetto ha rafforzato i legami tra clima e comunità sanitarie; ha promosso una ricerca innovativa sul rischio nazionale per il clima e sulla modellazione dell'impatto sanitario; ha impegnato una rete interministeriale di punti di forza su aspetti climatici e sanitari per sviluppare, avanzare e diffondere i risultati.

Oms UNFCCC Clima e Salute ha anche fornito una panoramica Globale 2015.La panoramica globale è un documento complementare ai profili del paese, che descrive le tendenze globali del cambiamento climatico e della salute sperimentabili, a seconda della volontà collettiva e dell’efficacia dell’azione.

Aspetti principali secondo l’Oms del rapporto clima-salute

  • Il cambiamento climatico colpisce le determinanti sociali e ambientali della salute: aria pulita, acqua potabile sicura, cibo sufficiente e riparo sicuro.
  • Tra il 2030 e il 2050, il cambiamento climatico dovrebbe causare circa 250.000 morti aggiuntive l'anno, da malnutrizione, malaria, diarrea e stress termico.
  • I costi del danno diretto per la salute (senza quindi contare agricoltura, acqua ecc.) sono stimati tra i 2-4 miliardi di dollari/anno entro il 2030.
  • Le aree con infrastrutture di salute deboli, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, saranno meno in grado senza assistenza di prepararsi e rispondere all’allarme.
  • La riduzione delle emissioni di gas a effetto serra grazie e migliori scelte di trasporto, di cibo e di consumo energetico possono determinare una migliore salute, in particolare attraverso un ridotto inquinamento atmosferico.

Cambiamento climatico
Negli ultimi 50 anni, le attività umane hanno liberato quantità sufficienti di anidride carbonica e di altri gas a effetto serra in grado di catturare il calore supplementare nell'atmosfera più bassa e influenzare il clima globale.

Negli ultimi 130 anni il mondo si è riscaldato di circa 0,85 C°. Ciascuno degli ultimi 3 decenni è stato successivamente più caldo di ogni precedente decennio dal 1850.

I livelli del mare sono in aumento, i ghiacciai si stanno sciogliendo e i modelli di precipitazione al controllo stanno cambiando. Gli eventi meteorologici estremi stanno diventando più intensi e frequenti.

L'impatto dei cambiamenti climatici sulla salute
Sebbene il riscaldamento globale può portare alcuni vantaggi localizzati, come meno morti invernali in climi temperati e una maggiore produzione di cibo in determinate aree, gli effetti generali sulla salute di un clima che cambia, probabilmente sono in gran parte negativi. Il cambiamento climatico influenza determinanti sociali e ambientali di salute: aria pulita, acqua potabile sicura, cibo sufficiente e ripari sicuri.

Calore estremo
Le temperature estreme dell'aria elevata contribuiscono direttamente alle morti da malattie cardiovascolari e respiratorie, in particolare tra le persone anziane. Nell'ondata di calore dell'estate 2003 in Europa, ad esempio, sono stati registrati più di 70.000 morti oltre i livelli normali.
Alte temperature aumentano anche i livelli di ozono e di altri inquinanti nell'aria che aggravano malattie cardiovascolari e respiratorie.
Polline e altri livelli di aeroallergeni sono anche più alti con il caldo estremo. Questi possono innescare l'asma, che colpisce circa 300 milioni di persone.

Disastri naturali e modelli di pioggia variabili
In tutto il mondo, il numero di disastri naturali correlati nel tempo è più che triplicato fin dagli anni '60. Ogni anno, questi disastri provocano oltre 60.000 morti, soprattutto nei paesi in via di sviluppo.
I livelli del mare in aumento ed eventi climatici sempre più estremi distruggeranno le case, i servizi medici e altri servizi essenziali. Più della metà della popolazione mondiale vive entro 60 chilometri dal mare. Le persone possono essere costrette a muoversi, il che a sua volta aumenta il rischio di una serie di effetti sulla salute, dai disturbi mentali alle malattie trasmissibili.

Gli effetti sulla pioggia con variazioni estreme probabilmente influenzano la fornitura di acqua dolce. La mancanza di acqua potabile può compromettere l'igiene e aumentare il rischio di malattie come la diarrea, che uccide ogni anno oltre 500.000 bambini di età inferiore ai 5 anni. In casi estremi, la scarsità dell'acqua porta alla siccità e alla carestia. Alla fine del XXI secolo, i cambiamenti climatici possono aumentare la frequenza e l'intensità della siccità a livello regionale e globale .

Al contrario, stanno aumentando in frequenza e intensità anche gli alluvioni, e la frequenza e l'intensità delle precipitazioni estreme dovrebbero continuare ad aumentare nel corso del secolo. Gli alluvioni contaminano le forniture di acqua dolce, aumentano il rischio di malattie causate dall'acqua e creano terreni di coltura per insetti che trasportano malattie come le zanzare. Inoltre causano annegamenti e lesioni fisiche, danneggiano le case e distruggono l'offerta di servizi medici e sanitari.
Le temperature elevate e le precipitazioni variabili potrebbero ridurre la produzione di cibi in molte regioni più povere. Ciò aumenterà la prevalenza della malnutrizione e della sopravvivenza, che attualmente causano 3,1 milioni di morti ogni anno.

Modelli di infezione
Le condizioni climatiche influenzano fortemente le malattie trasmesse dall'acqua e le malattie trasmesse attraverso insetti, lumache o altri animali a sangue freddo.
I cambiamenti nel clima possono prolungare le stagioni di trasmissione di importanti malattie trasmesse dal vettore e modificare la loro posizione geografica. Ad esempio, il cambiamento climatico è proiettato ad allargare notevolmente dall'area della Cina la schistosomiasi della malattia da lumaca.
La malaria è fortemente influenzata dal clima. Trasmessa dalle zanzare di Anopheles, la malaria uccide ogni anno oltre 400.000 persone, soprattutto bambini africani di età inferiore ai 5 anni.Il vettore zanzara Aedes della dengue è altrettanto sensibile alle condizioni climatiche, e gli studi suggeriscono che il cambiamento climatico rischia di favorire l'esposizione alla dengue.

Misurazione degli effetti sulla salute
La misurazione degli effetti sulla salute dei cambiamenti climatici può essere molto approssimativa. Tuttavia, una valutazione dell'Oms, tenendo conto solo di un sottoinsieme dei possibili impatti sulla salute e assumendo una crescita economica continua e un progresso della salute, ha concluso cheil cambiamento climatico dovrebbe causare circa 250.000 morti aggiuntivi l'anno tra il 2030 e il 2050; 38.000 a causa dell'esposizione al caldo negli anziani, 48.000 a causa di diarrea, 60.000 a causa della malaria e 95.000 a causa della malnutrizione infantile.

Chi è a rischio
Tutte le popolazioni saranno colpite dai cambiamenti climatici, ma alcuni sono più vulnerabili di altri. Le persone che vivono in piccoli Stati in via di sviluppo su isole e in altre regioni costiere, le megacittà e le regioni montuose e polari sono particolarmente vulnerabili.
In particolare i bambini che vivono in paesi poverisono tra i più vulnerabili ai rischi sanitari conseguenti e sono esposti più a lungo alle conseguenze della salute. Gli effetti sulla salute dovrebbero essere più gravi per gli anziani e le persone affette da infermità o da condizioni mediche preesistenti.
Le aree con infrastrutture di sanità deboli, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, saranno meno in grado di affrontare senza assistenza la situazione e di prepararsi e rispondere.

La risposta dell'Oms
Molte politiche e scelte individuali hanno il potenziale per ridurre le emissioni di gas a effetto serra e produrre importanti benefici per la salute. Ad esempio, i sistemi energetici più puliti e la promozione dell'utilizzo sicuro dei trasporti pubblici e dei movimenti attivi - come il ciclismo o il camminamento come alternative per l'utilizzo di veicoli privati - potrebbero ridurre le emissioni di carbonio e ridurre l'onere dell'inquinamento atmosferico, riducendo circa 4,3 milioni di decessi all'anno e l'inquinamento atmosferico con circa 3 milioni di morti ogni anno.

Nel 2015, il comitato esecutivo dell'Oms ha approvato un nuovo piano di lavoro sul cambiamento climatico e sulla salute che comprende:

  • Partnership: coordinare con le agenzie partner nel sistema delle Nazioni Unite e garantire che la salute sia adeguatamente rappresentata nell'agenda del cambiamento climatico.
  • Sviluppo della sensibilizzazione: fornire e diffondere informazioni sulle minacce che i cambiamenti climatici presentano alla salute umana e le opportunità di promuovere la salute riducendo le emissioni di carbonio.
  • Scienza e prove: coordinare le revisioni delle prove scientifiche sui legami tra cambiamenti climatici e salute e sviluppare un'agenda globale di ricerca.
  • Supporto per l'attuazione della risposta della sanità pubblica ai cambiamenti climatici: aiutare i paesi a costruire la capacità di ridurre la vulnerabilità alla salute ai cambiamenti climatici e a promuovere la salute

 

 

AIOM - Via Enrico Nöe, 23 - 20133 - Milano - tel. +39 02 70630279

© AIOM. Tutti i diritti riservati. P. I. 11957150151