ServiziMenu principaleHome
Home  /  Professionisti  /  Notiziario AIOM  /  Contro le disuguaglianze in sanità un software dell’Oms che consente di fare una mappatura reale della situazione. Primo test in Indonesia

Contro le disuguaglianze in sanità un software dell’Oms che consente di fare una mappatura reale della situazione. Primo test in Indonesia

L'Oms ha messo a punto un software - Health Kit Equity Assessment Toolkit (HEAT) plus - per analizzare, interpretare e riportare i dati sulle disuguaglianze sanitarie e chiarire dove sono necessari gli investimenti per espandere i servizi a chi non li ha. È un manuale per aiutare le nazioni a integrare il monitoraggio delle diseguaglianze nei loro sistemi di informazione sanitaria e i codici statistici necessari per analizzare i dati sulle famiglie per comprendere dove sono le disuguaglianze

Da Quotidianosanità del 24-7-2017

Molti paesi, tra quelli maggiormente arretrati dal punto di vista della tutela della salute, hanno fatto progressi nel migliorare le condizioni generali delle loro popolazioni mettendo in campo una serie di misure, ma le medie nazionali non aiutano a rendersi conto della situazione reale e gruppi di persone possono perdere i servizi sanitari per una serie di motivi: il loro genere, dove vivono, quanto guadagnano, la loro istruzione e altri motivi sociali e culturali.

Per migliorare la salute delle persone più svantaggiate e aumentare il loro accesso ai servizi sanitari, sono necessari dati sullo stato di salute di tutti i sottogruppi di popolazione, compresi i più svantaggiati.

"Il monitoraggio della disuguaglianza sanitaria è essenziale per garantire che nessuno sia lasciato indietro - ha dichiarato Ahmad Reza Hosseinpoor, che guida il lavoro dell'Oms sul monitoraggio dell'equità di salute -. L’Oms ha sviluppato un pacchetto di risorse e strumenti per incoraggiare la pratica e la costruzione del monitoraggio della diseguaglianza sanitaria globale e nazionale".

Uno dei prodotti chiave del pacchetto è il Health Kit Equity Assessment Toolkit (HEAT), un'applicazione software lanciata dall'Oms lo scorso anno che consente ai paesi di analizzare, interpretare e riportare i dati sulle disuguaglianze sanitarie per chiarire dove sono necessari gli investimenti ed espandere i servizi a chi non li ha. Migliorando la loro salute.

Quando è stato lanciato per la prima volta, HEAT è stato limitato ai dati del database Health Equity Monitor dell'Oms, riferito alle informazioni sulla salute riproduttiva, materna, del neonato e infantile per 102 paesi. La nuova edizione del toolkit, denominato HEAT Plus, consente agli utenti di caricare dati dalle proprie fonti, rendendolo uno strumento molto più potente per analizzare e segnalare le disuguaglianze sanitarie su una vasta gamma di argomenti.

HEAT Plus è stato testato in Indonesia e ha permesso al paese di analizzare e interpretare le disuguaglianze in molti altri argomenti sulla salute utilizzando grandi quantità di dati.

 L'Indonesia sta sviluppando la sua prima relazione nazionale sullo stato di disuguaglianza sanitaria, che sarà pubblicata entro la fine dell'anno e darà ai responsabili politici preziosi approfondimenti per prendere decisioni strategiche per migliorare la salute. La nazione si è impegnata a integrare il monitoraggio della disuguaglianza sanitaria all’interno del suo sistema nazionale di informazione sanitaria.

L'Oms sta lavorando con il ministero della sanità indonesiano per mappare le fonti di dati del paese per il monitoraggio della disuguaglianza e per identificare le lacune di dati, analizzarli e riportarne i risultati.

Oltre a HEAT Plus, l’Oms ha lanciato questa settimana altri due prodotti per aiutare i paesi a approfondire le disuguaglianze sanitarie, tra cui un manuale per aiutare le nazioni a integrare il monitoraggio delle diseguaglianze nei loro sistemi di informazione sanitaria e i codici statistici necessari per analizzare i dati di indagine delle famiglie per rivelare dove si trovano le disuguaglianze.

In Indonesia, paese dove il meccanismo è testato, il parto può essere pericoloso anche negli ospedali più sterili. Ma alle condizioni igieniche si aggiunge un'ulteriore minaccia mortale per le donne e i loro bambini: il tetano.

Il tetano può essere prevenuto con un vaccino poco costoso, ma le donne che sono povere o vivono in aree remote, spesso non hanno accesso a servizi essenziali come quelli per l'immunizzazione e sono a maggior rischio.

Questa è la situazione del 2012. I programmi di immunizzazione avevano eliminato il tetano in tre delle quattro regioni dell'arcipelago indonesiano, ma i tassi di vaccinazione più bassi nella regione più povera della Papua Occidentale hanno fatto rimanere la malattia una grande minaccia.

 Dopo uno sforzo concertato del governo indonesiano per migliorare l'accesso ai servizi sanitari nelle regioni più lontane e per aumentare i tassi di vaccinazione nelle aree più svantaggiate, la nazione è stata dichiarata lo scorso anno “senza tetano”, che significa che meno di un caso di tetano neonatale si verifica per 1000 nascite in ogni distretto.

 "L'eliminazione del tetano era un grande risultato per l'Indonesia - ha dichiarato Jihane Tawilah, rappresentante dell'Oms in Indonesia -. Il tetano neonatale è un simbolo della disuguaglianza sanitaria. Colpisce la parte più povera e meno istruita della popolazione".

 L'Indonesia è uno dei tanti paesi che lavorano per migliorare l'accesso ai servizi sanitari per le persone più svantaggiate, per perseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG). Tra i 17 obiettivi, l'SDG 3 si concentra su una vita sana per tutte le persone di tutte le età, mentre l'SDG 10 chiede una riduzione delle disuguaglianze all'interno e tra i paesi.

 

AIOM - Via Enrico Nöe, 23 - 20133 - Milano - tel. +39 02 70630279

© AIOM. Tutti i diritti riservati. P. I. 11957150151