ServiziMenu principaleHome
Home  /  Professionisti  /  Notiziario AIOM  /  In calo convenzionata e ricette, sale la distribuzione per conto

In calo convenzionata e ricette, sale la distribuzione per conto

Da Il Sole24 ORE Sanità del 9-5-2017

Continua il trend in discesa della spesa farmaceutica convenzionata netta Ssn, che anche nel 2016, ha fatto registrare un calo (-2.4%) rispetto al 2015, così come il numero delle ricette (-1,5%). Continuano invece a crescere la spesa per i farmaci erogati dalle farmacie in regime di distribuzione per conto, cioè acquistati dalle Asl e distribuiti dalle Farmacie sulla base di accordi regionali (+8,3% rispetto al 2015), e le relative prescrizioni (quantità +9.7%). Sono i dati di spesa e consumi farmaceutici di Federfarma sul periodo gennaio-dicembre 2016.

In calo il valore medio netto delle ricette spedite in regime convenzionale (valore netto Ssn -1%, mentre il valore lordo, indicativo del prezzo al pubblico, è calato solo del -0,5%, a conferma del fatto della frenata del trend di riduzione de prezzi medi dei farmaci erogati in regime convenzionale, costante negli ultimi anni). Nel 2016 le ricette sono state oltre 587 milioni, pari in media a 9,7 ricette per ciascun cittadino.

Le confezioni di medicinali erogate a carico del Ssn sono state oltre 1,12 miliardi (+1% rispetto al 2015). Ogni cittadino italiano ha ritirato in farmacia in media 18,5 confezioni di medicinali a carico del Ssn, di prezzo medio pari a 9,55 € (9,43 t nel 2015).

Intanto i cittadini pagano sempre di più. L'incidenza sulla spesa lorda delle quote di partecipazione a carico dei cittadini è aumentata, passando dal 13,7% del 2015 al 14,2% del 2016. Nelle Regioni con ticket più incisivo le quote di partecipazione hanno un’incidenza sulla spesa lorda tra l'11.8% e il 20,8% (in Valle d'Aosta). Complessivamente i cittadini hanno pagato oltre 1,5 mld di euro di ticket sui farmaci, di cui più del 66% (dato Aifa) dovuto alla differenza di prezzo rispetto al farmaco equivalente meno costoso.

Continua ad aumentare l'incidenza dei farmaci inseriti nelle liste di riferimento AIFA a seguito della scadenza del brevetto del farmaco di marca. A livello nazionale l'incidenza delle confezioni di farmaci a brevetto scaduto sul totale delle confezioni erogate in regime di Ssn è a oltre il 77%, mentre la relativa spesa supera il 56% del totale. L'incidenza delle confezioni di generici veri e propri è pari a oltre il 27% del totale per una spesa per a oltre il 16% del totale, con notevoli differenze a livello regionale.

Il calo della spesa e del numero delle ricette è particolarmente sensibile in Valle d'Aosta (spesa netta meno 21,1%, ricette -11,9%) a seguito dell'introduzione del ticket sui farmaci dal 1° gennaio 2016. Il calo della spesa è rilevante anche in Molise (-7,6%) e in Sardegna (-6,9%) grazie a un sensibile aumento della quota di farmaci acquistati direttamente dalle Asl (aumento superiore al +25% rispetto al 2015 in entrambe le Regioni) e distribuiti dalle Asl stesse ovvero in misura rilevante dalle farmacie.

Quanto alla composizione dei consumi, i farmaci per il sistema cardiovascolare si sono confermati la categoria a maggior spesa, pur facendo segnare una diminuzione della spesa (0,7%) a fronte di un leggero incremento dei consumi (+0,4%), a seguito del maggior utilizzo di medicinali a brevetto scaduto di prezzo più basso. Tra le categorie più prescritte anche nel 2016 si collocano al primo posto gli inibitori della pompa acida, che tuttavia fanno segnare un sensibile calo del consumi (-5,6%).

Red.San.

 

AIOM - Via Enrico Nöe, 23 - 20133 - Milano - tel. +39 02 70630279

© AIOM. Tutti i diritti riservati. P. I. 11957150151