ServiziMenu principaleHome
Home  /  Professionisti  /  Notiziario AIOM  /  Tossicità e attività di Pembrolizumab nel trattamento del carcinoma dell’endometrio

Tossicità e attività di Pembrolizumab nel trattamento del carcinoma dell’endometrio

Lo studio riporta i dati di 24 pazienti con carcinoma dell’endometrio avanzato e metastatico con espressione di PD-L1 > 1% trattate con pembrolizumab 10 mg/kg ogni 2 settimane nell’ambito del protocollo KEYNOTE 028. La popolazione era pesantemente pretrattata (62,5%) avendo ricevuto almeno 2 precedenti linee di trattamento per malattia metastatica. In questa popolazione, è stata riportata una proporzione di risposte obiettive al trattamento pari al 13,0% con il 13,5% di prolungate stabilizzazioni di malattia, suggerendo una interessante attività del farmaco in questo tumore. La tossicità è stata molto contenuta con fatigue, febbre, prurito e anoressia come eventi avversi più frequenti. L’immunoterapia sembra una strategia promettente nei tumori dell’endometrio particolarmente in quelli con elevata instabilità genomica e quindi i casi con mutazione di POLE e gli MSI.


Ott PA, Bang YJ, Berton-Rigaud D, Elez E, Pishvaian MJ, Rugo HS, Puzanov I, Mehnert JM, Aung KL, Lopez J, Carrigan M, Saraf S, Chen M, Soria JC

Journal of Clinical Oncology, May 10, 2017

 

Link all'abstract 

 

 

 

Safety and Antitumor Activity of Pembrolizumab in Advanced Programmed Death Ligand 1-Positive Endometrial Cancer: Results From the KEYNOTE-028 Study

AIOM - Via Enrico Nöe, 23 - 20133 - Milano - tel. +39 02 70630279

© AIOM. Tutti i diritti riservati. P. I. 11957150151