ServiziMenu principaleHome
Home  /  Professionisti  /  Notiziario AIOM  /  Un centesimo di buone intenzioni

Un centesimo di buone intenzioni Contenuto nell'archivio del 2016

Quarantuno mila nuovi casi di tumore di polmone l'anno sono un'enormità. Perché le possibilità di sopravvivere non sono tante, e perché la prima causa di queste morti è indiscutibile, quindi la prevenzione è davvero molto concreta

 Da la Repubblica del 19-1-2016

Basterebbe non fumare. Già, facile a dirsi; molto meno a farsi. Non basta una decisione a tavolino, che magari per eccesso di realismo molti nemmeno abbozzano. C'è di mezzo una dipendenza che, come tutte, si porta dietro stress, emotività, bisogni. Insomma, roba che non è certo facile spazzare via. Non solo: gli anticancro costano un fiume di soldi, destinato a ingrossarsi perché arrivano ogni anno nuovi prodotti, spesso davvero più potenti; e sempre più costosi. Nessuno può negarli ai malati. E allora? L'Aiom, l'associazione degli oncologi medici, ha avuto un'idea: un centesimo a sigaretta vada a finanziare un fondo speciale. E visto che il gettito delle accise sul tabacco è di 11 miliardi, ne basterebbe il 5% per assicurare tutti i farmaci a tutti i malati. Col vantaggio di palesare che quella sigaretta accesa è legata indissolubilmente al cancro. Philip Morris permettendo.

Di Daniela Minerva

periscopio@repubblica.it

AIOM - Via Enrico Nöe, 23 - 20133 - Milano - tel. +39 02 70630279

© AIOM. Tutti i diritti riservati. P. I. 11957150151