ServiziMenu principaleHome
Home  /  Professionisti  /  Notiziario AIOM  /  L’Europa dei pazienti stenta a decollare

L’Europa dei pazienti stenta a decollare Contenuto nell'archivio del 2016

Da CORRIERE DELLA SERA - CorriereSalute del 13-11-2016

Funziona male l'Europa dei migranti, ma non guadagna terreno neanche quella dei pazienti. Nel rapporto UE sulla sanità transfrontaliera nel 2015 (primo anno di piena applicazione della direttiva del 2012) i numeri di chi sceglie di farsi curare in un altro Paese UE sono, salvo qualche eccezione, miseri. Colpa di poca informazione, barriere burocratiche, scarso sostegno politico, secondo la commissione che ha stilato il rapporto. Quasi 100 mila europei sono stati curati in un anno fuori del proprio Paese, ma solo mille l'hanno fatto chiedendo l'autorizzazione a curarsi all'estero, e solo la metà l'hanno ottenuta. Lussemburghesi, slovacchi e irlandesi i più esterofili, ma al quarto posto ci sono gli italiani per lo più diretti in ospedali tedeschi e austriaci. Le richieste sono state 194 e le autorizzazioni 73, in 127 hanno chiesto il rimborso per terapie d'urgenza, ma solo 66 l'hanno ottenuto. E quanti europei hanno scelto l'Italia per curarsi? In un anno solo 10, dei quali 4 romeni. Da questo punto di vista, il Belpaese non ha molta attrattiva. Ma forse gli europei si sbagliano.

Di Riccardo Renzi

AIOM - Via Enrico Nöe, 23 - 20133 - Milano - tel. +39 02 70630279

© AIOM. Tutti i diritti riservati. P. I. 11957150151