ServiziMenu principaleHome
Home  /  Professionisti  /  Notiziario AIOM  /  Malattie infettive, lanciata la Carta italiana per la promozione delle vaccinazioni  /  Lavorare dopo una diagnosi di cancro metastatico: i fattori che influenzano l’attività lavorativa nel contesto della malattia in uno studio dell’ECOG-

Lavorare dopo una diagnosi di cancro metastatico: i fattori che influenzano l’attività lavorativa nel contesto della malattia in uno studio dell’ECOG-ACRIN

Sicuramente la diagnosi di un tumore metastatico, con le terapie da affrontare e l'eventuale carico di sintomi legati alla malattia, può avere un impatto notevole sulla capacità (e sulla possibilità) dei pazienti di mantenere la propria attività lavorativa. Uno studio pubblicato recentemente su Cancer descrive le ripercussioni sul lavoro della diagnosi di tumore metastatico in una casistica di 668 pazienti in età lavorativa. Come prevedibile, la maggioranza dei pazienti riferiva una qualche modifica della propria attività lavorativa, in molti casi purtroppo la totale interruzione del lavoro. Gli autori sottolineano che, come prevedibile, un controllo dei sintomi, quando possibile, può aiutare i pazienti che lo desiderano a continuare la propria attività lavorativa. Lo studio, condotto nella realtà statunitense, fa riflettere su un argomento molto rilevante.


Tevaarwerk AJ, Lee JW, Terhaar A, Sesto ME, Smith ML, Cleeland CS, Fisch MJ.

Cancer, 2015 Dec 21

Link all'abstract 

Working after a metastatic cancer diagnosis: Factors affecting employment in the metastatic setting from ECOG-ACRIN's Symptom Outcomes and Practice Patterns study

© American Cancer Society

 

 

riabilitazione oncologica

AIOM - Via Enrico Nöe, 23 - 20133 - Milano - tel. +39 02 70630279

© AIOM. Tutti i diritti riservati. P. I. 11957150151