ServiziMenu principaleHome
Home  /  Professionisti  /  Notiziario AIOM  /  Tumori: a Napoli 26mila le nuove diagnosi in cinque anni

Tumori: a Napoli 26mila le nuove diagnosi in cinque anni Contenuto nell'archivio del 2016

Nel capoluogo la 5° tappa del Tour di presentazione del libro “Si può vincere” realizzato dall’AIOM. “Decisivi i passi avanti della ricerca, non è più il male incurabile”
Il prof. Paolo Ascierto, Direttore Oncologia del ‘Pascale’: “Nuove armi allungano la sopravvivenza con una migliore qualità di vita”. Il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin: “è essenziale poter garantire a tutti i pazienti cure sempre più innovative”. In Campania record nazionale di fumatori

Napoli, 16 settembre 2016 – A Napoli in 5 anni (2008-2012) sono stati diagnosticati 25.963 nuovi casi di tumore. E sono migliaia, 15.640, i cittadini napoletani che convivono con la diagnosi da almeno cinque anni, spesso con una buona qualità di vita grazie a terapie sempre più efficaci che consentono di migliorare la sopravvivenza. I dati emergono dal “Registro Tumori ASL Napoli 3 Sud” che include un’area di riferimento composta da 59 Comuni (15 distretti) della Provincia di Napoli con una popolazione di 1.170.000 abitanti. “La storia naturale di alcune patologie sta cambiando in modo radicale – afferma il prof. Paolo Ascierto, direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative del ‘Pascale’ di Napoli -. Un esempio eclatante è quello del melanoma che nel 2015 in Campania ha colpito circa 800 persone, in Italia 11.300. Questo tumore della pelle, particolarmente aggressivo in fase avanzata, ha rappresentato l’apripista di un nuovo approccio, l’immuno-oncologia, con cui viene rinforzato il sistema immunitario contro la malattia. Oggi il 20% dei pazienti è vivo a 10 anni: in questi casi possiamo parlare di cronicizzazione. Si tratta di un risultato decisivo, visto che prima dell’arrivo di queste terapie la sopravvivenza mediana in stadio metastatico era di appena 6 mesi, con un tasso di mortalità a un anno del 75%”. Dal Registro Tumori campano emergono però alcune criticità. “In particolare vanno sottolineati i maggiori tassi di incidenza del tumore del polmone negli uomini rispetto alla media nazionale – spiega il prof. Cesare Gridelli, Direttore del Dipartimento di Onco-Ematologia dell’Ospedale ‘Moscati’ di Avellino -. Questo fenomeno è dovuto alla ritardata e più lenta riduzione del vizio del fumo in Campania e, quindi, anche sul territorio di Napoli. La Campania è la Regione con la più alta percentuale di fumatori negli ultimi venti anni, presenta infatti un tasso di tabagisti pari al 31% rispetto al 28% (media nazionale) e nel 2015 si sono registrati 3.844 nuovi casi di carcinoma polmonare. Anche in questa patologia, che un tempo non presentava efficaci possibilità terapeutiche, oggi si stanno realizzando importanti progressi grazie all’immuno-oncologia”. L’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) ha raccolto le testimonianze di 16 pazienti colpiti da tumore nel volume “Si può vincere”, presentato oggi a Napoli, la quinta di un tour nazionale di 10 tappe con il coinvolgimento dei cittadini, delle Istituzioni e delle associazioni dei pazienti. “Nel libro – continua il prof. Ascierto - è raccontata l’esperienza di nove uomini e sette donne che hanno combattuto la lotta contro il cancro. Oggi queste persone convivono con la malattia con una buona qualità di vita e, in alcuni casi, possono affermare di averla definitivamente sconfitta. Ecco perché non possiamo più parlare di male incurabile”. Il tour di presentazione del volume si inserisce in un’ampia campagna informativa dell’AIOM sull’immuno-oncologia, realizzata grazie al sostegno di Bristol-Myers Squibb. Il libro si divide in due parti, nella prima è analizzata l’evoluzione della cura dei tumori negli ultimi decenni, rispondendo a domande su come sono cambiati i trattamenti, con approfondimenti su chirurgia, chemioterapia, terapie biologiche e radioterapia. È poi descritta la nuova era nel trattamento delle neoplasie rappresentata dall’immuno-oncologia. “Il ‘Pascale’ si colloca fra i più importanti centri a livello internazionale nella lotta contro il melanoma, grazie anche ai contributi decisivi nelle più recenti ricerche nel campo dell’immuno-oncologia – continua il prof. Gennaro Ciliberto, Direttore scientifico dell’Istituto -. L’esperienza diretta che abbiamo maturato sui pazienti colpiti da questo tumore della pelle rappresenta un esempio per gli esperti di tutto il mondo. Nel trattamento di questa malattia abbiamo una tradizione consolidata, confermata anche dalla nostra produzione scientifica. Ogni anno pubblichiamo circa 10 ricerche su prestigiose riviste internazionali. È recente uno studio realizzato in collaborazione con il laboratorio del prof. Carlo Croce dell’Università di Columbus negli Stati Uniti. Abbiamo scoperto che una molecola, appartenente alla classe dei microRNA, svolge un ruolo importante nel melanoma maligno, in particolare la sua quantità diminuisce quando la malattia diventa più aggressiva. Questi risultati potranno avere un impatto nel migliorare le attuali terapie”.

“La lotta ai tumori – spiega il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, nella prefazione del volume - costituisce una delle priorità del Servizio Sanitario Nazionale per l’elevata incidenza della malattia e per il suo pesante impatto sociale ed economico. Oggi possiamo affermare che il concetto di cancro come ‘male incurabile’ appartiene al passato. Grazie al progresso della scienza, i tumori stanno diventando sempre più una malattia cronica. I dati, le cifre e le scoperte ci dicono che la lotta contro questa patologia, in parte già sconfitta, può segnare quotidianamente punti a favore di chi la combatte. Questo volume raccoglie le preziose testimonianze dei pazienti trattati con una nuova arma, l’immunoterapia. Le loro parole ci trasmettono coraggio, forza e, soprattutto, speranza. È essenziale poter garantire a tutti i pazienti le cure sempre più innovative che la ricerca mette a disposizione. Aspirare a elevati standard di prevenzione e di trattamento non risponde soltanto a ambizioni di progresso tecnologico e scientifico ma anche di civiltà e di democrazia. Affrontare il tema della salute significa confrontarsi con le aspettative e le attese di milioni di malati, immedesimarsi con i loro disagi quotidiani e difendere la loro qualità di vita”.

“Si può vincere” (ed. Guerini, pp.170, a cura di Mauro Boldrini, Sabrina Smerrieri, Paolo Cabra) è nelle librerie al prezzo di 14,50 euro e i proventi delle vendite sono destinati alla Fondazione AIOM. “Dobbiamo potenziare i nostri sforzi e la capacità di coordinare e sostenere l’attività di prevenzione e di assistenza – continua il Ministro Lorenzin nella prefazione -. È necessario innanzitutto agire per contenere l’impatto dei tumori con interventi di prevenzione primaria e secondaria. È poi indispensabile collegare in rete i diversi sistemi assistenziali, garantendo un’offerta adeguata sul territorio e realizzando la presa in carico globale della persona nei suoi bisogni sanitari, sociali e relazionali”.

“La Campania presenta eccellenze nella prevenzione, diagnosi e cura delle patologie oncologiche come dimostrato dagli ottimi risultati raggiunti dal ‘Pascale’ – conclude il prof. Ascierto -. Vi sono però alcune criticità come la scarsa adesione ai programmi di screening che potrebbero essere superate anche grazie all’istituzione della rete oncologica regionale”.

AIOM - Via Enrico Nöe, 23 - 20133 - Milano - tel. +39 02 70630279

© AIOM. Tutti i diritti riservati. P. I. 11957150151