Notiziario AIOM

Role of Kindness in Cancer Care

In tempi di crescente aggressività e poca educazione, dove il professionista sanitario è talvolta ridotto a un burocrate o misurato con tempari prestabiliti (utili all’industria manufatturiera ma che mal si adattano all’ars medica), gli autori si interrogano sul valore della gentilezza nel rapporto tra oncologo e paziente.
Anche nell’era dell’oncologia di frontiera, che spazia dall’immunoterapia alle terapie molecolari personalizzate, non deve mancare lo spazio per la gentilezza. Gli autori individuano nel lavoro sei momenti in cui questa attitudine può migliorare la qualità di vita del paziente oncologico: l’ascolto profondo (in cui il medico dedica tempo per comprendere le paure e i desideri dell’ammalato); l’empatia della compassione; la generosità interiore nel porsi a disposizione del paziente e della famiglia; la spiegazione paziente del trattamento e dei suoi effetti collaterali; l’onestà gentile nel dire la verità con rispetto ma scegliendo parole e modi adatti; il sostegno attento ai familiari e ai care-givers.


Berry LL, Danaher TS, Chapman RA, Awdish RLA

Journal of Oncology Practice, 2017 Nov

Link all’abstract